Experiencemilia viaggio nella cultura del cibo
viaggio nella cultura del cibo

torta ad mandurl alla bobbiese

Ma che bontà: la torta ad mandurl alla bobbiese

La Torta ad mandurl, conosciuta anche come Ra tùrta d’armandul, è una tipica ricetta medievale bobbiese, a base di farina di mandorle e mandorle tritate, tuorli d’uovo e albumi con zucchero. Il croccante (crucànt) è fatto con mandorle tostate intere e a pezzi caramellate. La tradizione di Bobbio è quella di rovesciare l’impasto in uno stampo o in una zuppierina ben imburrate e, con un limone o una mela, premerlo bene all’interno. Occorre modellarlo per dargli la classica forma a cestino.

La torta ad mandurl alla bobbiese
ingredienti per 6 persone

la pasta frolla
300 grammi di farina
200 grammi di burro
100 grammi di zucchero
2 uova
1 bicchierino di alchermes
il ripieno
200 grammi di zucchero
4 uova
300 grammi di mandorle dolci
6/7 mandorle amare
1 bicchierino di rum o di amaretto

La pasta frolla – preparazione
Disponete sulla spianatoia la farina, il burro, lo zucchero, l’alchermes e i tuorli d’uovo, tenendo da parte gli albumi che serviranno per il ripieno. Lavorate bene con le mani fino ad ottenere un impasto morbido e liscio da cui ricaverete due dischi, uno più largo da mettere direttamente nella teglia, l’altro che ricoprirà il ripieno e dovrà essere bucherellato con i rebbi di una forchetta.

Il ripieno – preparazione
Scottate le mandorle nell’acqua bollente e dopo averle pelate ed asciugate, tritatele finemente. In una ciotola lavorate i tuorli con lo zucchero, aggiungete le mandorle tritate, il rum o l’amaretto e, alla fine, i 6 albumi montati a neve ferma, mescolando il tutto abbastanza velocemente dal basso verso l’alto. Con l’aiuto di carta forno, adagiate in una teglia il primo disco di pasta frolla, versate il ripieno e ricoprite con l’altro disco. Infornate a 250° per 15 minuti poi abbassate la temperatura gradualmente a 200°/180° per altri 30 – 35 minuti. Sfornatela e fatela raffreddare su una gratella da dolci. Al momento di servirla, trasferitela su un piatto da portata e spolveratela di zucchero a velo.

Condividi

Lascia un commento