Experiencemilia viaggio nella cultura del cibo
viaggio nella cultura del cibo

“Orange Wine, il nuovo colore del bianco” domenica 18 e lunedì 19 ottobre alla Corte La Faggiola di Piacenza

La location di questa edizione 2020 è tra le più suggestive, un’antica corte agricola del Novecento immersa nella campagna piacentina, pur sorgendo a pochi km dalla città, dotata di sale interne, di un’area riparata sotto i portici e di uno spazioso cortile, l'insieme perfetto per accogliere eventi di questa tipologia

Per alcuni cultori, un po’ tradizionalisti, poco inclini alle nuove tendenze e ai gusti che cambiano, questo vino arancione proprio… non va giù! Sarà pur vero che il mercato gioca una parte importante in questa partita e che i gusti, diciamo così, sono un po’ sapientemente ammaestrati, ma tant’è, il vino arancione è entrato prepotentemente nel novero dell’enologia mondiale.

Non resta che prenderne atto e, magari, anticiparne la sua grande diffusione ed organizzare qualche evento in suo onore! E in quanto a tempestività non possiamo che sottolineare il merito di “Orange Wine, il nuovo colore del bianco” che domenica 18 e lunedì 19 ottobre presenta la sua 3a edizione alla Corte La Faggiola di Piacenza. 

L’occasione è anche per scoprire tecniche, metodi e segreti per la produzione di questo vino arancione, inglesizzato orange wine forse per renderlo più internazionale, anche se in realtà ha un’antica tradizione che lo riporta, guarda un po’, al nostro paese e precisamente nel Friuli, che divide questo primato mondiale con l’Istria e la Georgia. La sua colorazione è dovuta al trattamento delle uve bianche vinificate con il metodo utilizzato per i vini rossi, mantenendo quindi il mosto a contatto con le bucce per un determinato tempo, sufficiente per ottenere un prodotto dal colore intenso che abbraccia le sfumature dell’ambrato e dell’arancione pieno, fino al bronzo.

L’edizione di “Orange Wine, il nuovo colore del bianco” ospitata quest’anno alla Corte La Faggiola di Piacenza vedrà la partecipazione di una nutrita rappresentanza di vignaioli naturali provenienti dalla Sicilia, isola sorprendente per la sua bellezza, la sua storia, la sua cultura che comprende anche quella legata alla sua produzione di vini, molti dei quali di elevata eccellenza. Capace di soddisfare anche il winelover più esigente e curioso, la Sicilia sarà portatrice di appassionanti sorprese e saprà colpire nel segno con i suoi vini di Pantelleria, di Scicli, di Marsala ed altri interessantissimi terroir, tutti vinificati a contatto con le bucce come da tradizione.

Il gustoso viaggio che “Orange Wine, il nuovo colore del bianco” proporrà in questa imperdibile edizione attraverserà però l’Italia intera del vino, coinvolgendo tutte le regioni, dal Friuli al Piemonte, dall’Emilia Romagna alla Toscana, offrendo una variegata panoramica di colori e sapori. Con una cinquantina di vignaioli che hanno sposato la filosofia dell’agricoltura biologica o biodinamica e che vinificano le proprie uve con metodi tradizionali, questa edizione piacentina si propone come un tuffo tra profumi e sapori mai banali, alla scoperta di vitigni e vini davvero straordinari, caratterizzato da quel colore che, nella simbologia, rappresenta la creatività, l’armonia ma anche l’espansione e l’ambizione, quella che è di tutti i produttori che porteranno la loro storia, la loro cultura, la loro passione per un prodotto e, in questo caso, per un colore: il vino e l’arancio, o se volete, wine and orange!

Non può mancare il concetto dell’abbinamento enogastronomico. Per questo appuntamento di “Orange Wine, il nuovo colore del bianco” questa “mission” è affidata ai fratelli Pavesi che proprio all’interno della Corte la Faggiola gestiscono il ristorante l’Ostreria, una chicca per la proposta di piatti della cucina tradizionale piacentina. l’Ostreria (nome strano, indagheremo…) sorge all’interno della Corte la Faggiola ed è aperto tutti i giorni.

“Orange Wine, il nuovo colore del bianco” è organizzato da Echofficine, associazione culturale che, da oltre dieci anni, stimola la conoscenza del vino secondo natura attraverso il progetto Sorgentedelvino.

Questa edizione si colloca in un momento storico particolare, dato dalla pandemia del Covid-19, pertanto saranno tutti ben consapevoli dell’importanza nell’osservare tutte le precauzioni di sicurezza e le misure per per contrastare la diffusione del virus. Modalità ed altre informazioni specifiche sono descritte all’interno del sito, per cui invitiamo tutti a prenderne visione. Sarà bello incontrarci ed avere la conferma che la passione per il vino accomuna gente consapevole e speciale.

L’appuntamento, ricordiamo, è per domenica 18 e lunedì 19 ottobre alla Corte La Faggiola di Piacenza.

Orange Wine, il nuovo colore del bianco Corte La Faggiola
Orange Wine, il nuovo colore del bianco Corte La Faggiola

da sapere

“Orange Wine, il nuovo colore del bianco” è organizzato da Echofficine, associazione culturale che, da oltre dieci anni, stimola la conoscenza del vino secondo natura attraverso il progetto Sorgentedelvino.

Questa edizione si colloca in un momento storico particolare, dato dalla pandemia del Covid-19, pertanto saranno tutti ben consapevoli dell’importanza nell’osservare tutte le precauzioni di sicurezza e le misure per per contrastare la diffusione del virus. Modalità ed altre informazioni specifiche sono descritte all’interno del sito, per cui invitiamo tutti a prenderne visione. Sarà bello incontrarci ed avere la conferma che la passione per il vino accomuna gente consapevole e speciale.

Organizzazione: Echofficine

Via del Santuario 80
Strà
29010
Alta Val Tidone (PC)

contatti 348/7186660
echofficine@gmail.com

vedi anche: Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti a Piacenza

La decima edizione del Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti a Piacenza, che si doveva tenere domenica 29 novembre, quest’anno non si terrà a causa dell’emergenza contagi Covid-19.

Al suo posto è stata organizzato “Una domenica dal Vignaiolo”, un evento di una giornata in cui i Vignaioli Indipendenti aderenti ospiteranno nella propria cantina i colleghi di altre zone d’Italia e apriranno le porte ai visitatori.

leggi tutto qui

Condividi

Lascia un commento