Experiencemilia viaggio nella cultura del cibo
viaggio nella cultura del cibo

l’Erbazzone

Erbazzone è un piatto reggiano, una specialità che si annovera nella tradizione gastronomica emiliana, un piatto che troverete frequentemente a Reggio Emilia e provincia
Erbazzone – specialità reggiana – cucina emiliana

Reggio Emilia nel piatto

L’ ‘erbazzone (in dialetto scarpasòun, scarpazzone) è una torta salata, che assomiglia a una focaccia, tipica di Reggio Emilia con fondo di pasta brisée e ripieno a base di bietole e lardo (oggi sostituito spesso con pancetta), mangiata anche a colazione. E’ una ricetta di confine, unisce Nord e Sud. Ricorda la pizza con la scarola napoletana e la türta de gee ligure. Ne esiste anche una versione montana, più povera, con l’aggiunta di riso, senza crosta sopra e senza parmigiano. Il riso era il pagamento delle mondine che scendevano a valle durante la stagione del raccolto.

Ingredienti
(per 10 porzioni circa)

Per la pasta brisèe
500 g di farina tipo 00
200 g di strutto
7,5 g di sale
150 g di acqua

Per il ripieno
600 g di bietole pulite e mondate
60 g di spinaci puliti e mondati
160 g di pane tostato e macinato
50 g di Parmigiano-Reggiano grattugiato
1 uovo
50 g di lardo macinato
160 g di cipolla leggermente soffritta
Sale
Farina (per asciugare l’impasto)

Procedimento

Miscelare la farina, lo strutto e il sale. Aggiungere l’acqua e impastare. Conservare la pasta almeno un’ ora in frigo. Scottare le bietole e gli spinaci in abbondante acqua calda e salata, quindi scolare molto bene per togliere l’ acqua in eccesso. Soffriggere la cipolla.

Mettere nel mixer le bietole, gli spinaci, il pane tostato, il parmigiano reggiano, l’uovo, il lardo macinato e la cipolla. Ottenuto un composto spalmabile salare a piacere. Se risultasse troppo molle aggiungere della farina per asciugare l’impasto. A questo punto dividere la pasta brisèe in due parti.

Stendere la pasta in uno stampo rettangolare 30 X 40 precedentemente unto, facendo in modo che sporga bene dai lati. Bucherellare la pasta. Inserire il ripieno nella tortiera e coprire con la rimanente pasta brisèe.

Far combaciare bene i lati per evitare fuoriuscite del composto in cottura, quindi togliere la pasta in eccesso. Bucherellare con i rebbi di una forchetta e cospargere la superficie con del lardo macinato leggermente fuso.

Cuocere a 220°C per 30 minuti fino a completa doratura.

e adesso tocca a voi! Mi invitate? chiamatemi, arrivo in un baleno!

Condividi

Lascia un commento